La città e il porto sono state fondate alla fine del XV secolo dal banchiere genovese Cristobal de Ponte. I secoli XVI e XVII furono l'età d'oro della storia di Garachico.

La prosperità economica del luogo si è basata sul consolidamento delle sue strade, soprattutto nel corso del XVI secolo, come la porta principale di Tenerife, con il traffico commerciale con l'Europa, America e Africa. Nel corso del XVII secolo, nonostante la crescente concorrenza di altri porti dell'isola come La Orotava o Santa Cruz de Tenerife, ha continuato come porto per gli scambi tra l'America e le Isole Canarie.

Garachico è oggi uno dei più importanti centri storici delle Isole Canarie. Il ricco patrimonio storico-artistico e la particolare cura nella conservazione, gli è valso il premio nel 1980, la Medaglia d'Oro al Merito in Belle Arti

Per questo motivo oggi Garachico è una mostra del arte nelle Isole Canarie, particolarmente per l'architettura tradizionale del archipelago. Per questo motivo la trama urbana della capitale municipale è stata dichiarata per il governo Canario, nel febbraio nel 1994, bene d'interesse culturale nella categoria storica.
L'economia del comune si è fondata con il piccolo commercio, turismo, ristorazione e agricoltura. Lo sviluppo del porto sportivo e pescero costituisce un altra fonte economica.
Architettura religiosa: Antiguo Convento Agustino de San Julián, Antiguo Convento de San Francisco, Ermita de Nuestra Señora de Los Reyes, Ermita de San Roque, Convento Concepcionistas Franciscanas, Iglesia de San Juan del Reparo, Parroquia de Santa Ana, Iglesia Nuestra Señora de los Ángeles.
cose da vedere: La puerta de Tierra, Plaza de la Libertad, Muelle Viejo.
Litorale: Piscina Naturales El Caletón, playa del Gomero, Playa de La Caleta, Playa de El Muelle, Playa de El Guincho, Playa de Las Aguas y Playa de la Magdalena.
Punti panoramici: Mirador de La Culata, Mirador de El Guincho.

Notizia

contentmap_plugin
made with love from Joomla.it - No Festival